X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Basta lo scostamento tra valore normale e dichiarato per l’accertamento immobiliare

Con una sentenza che farà discutere, la Cassazione ritiene che quotazioni di mercato o notiziari ISTAT siano idonei a fondare le presunzioni semplici

/ Stefano SPINA

Giovedì, 15 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le integrazioni apportate dal DL 223/2006 (conv. L. 248/2006) all’art. 39 del DPR 600/73 in tema di accertamenti ai fini delle IIDD e all’art. 54 del DPR 633/72 in tema di IVA hanno fatto assumere al “valore normale” del bene immobile, a partire dal 4 luglio 2006, il ruolo di parametro di riferimento per gli accertamenti. Nel contempo, l’introduzione del comma 23-bis dell’art. 35 del citato DL 233/2006 ha previsto, quale ulteriore fattispecie accertatrice, il valore del finanziamento (mutuo) erogato per l’acquisto dell’immobile, se superiore al prezzo dello stesso.

In estrema sintesi, queste diposizioni legittimavano gli uffici a fondare il recupero di materia imponibile, anche in mancanza di ulteriori elementi di prova, legittimando la rettifica ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU