X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La rettifica del prezzo «impatta» sul venditore di azienda o di partecipazioni

Dovrebbe dar luogo a elementi positivi o negativi di reddito assoggettabili alle norme che hanno regolato l’imposizione del corrispettivo originario

/ Luca MIELE

Lunedì, 26 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Accade sempre più frequentemente che, in caso di cessione di partecipazioni sociali o di aziende, le parti pattuiscano apposite clausole contrattuali per effetto delle quali il prezzo potrà subire una revisione, in aumento o in diminuzione, in dipendenza del conseguimento di certi obiettivi economici e/o finanziari (utile, MOL, fatturato, ecc) o per tenere conto di eventuali passività potenziali che potrebbero trovare manifestazione successivamente all’acquisizione, ma pur sempre aventi la loro origine in eventi riconducibili alla gestione passata.

Sulla base dei chiarimenti intervenuti nel corso degli anni da parte dell’Amministrazione finanziaria, i riflessi fiscali di tali clausole contrattuali, in riferimento a soggetti non IAS/adopter, dovrebbero essere analizzati partendo dal ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU