Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La riforma del condominio cambia le regole per gli impianti radiotelevisivi

In caso di uso di parti comuni, il condomino interessato deve comunicarlo e l’assemblea può intervenire con prescrizioni o cautele

/ Stefano BARUZZI

Lunedì, 3 dicembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione al riconoscimento del diritto del condomino di fare uso anche delle parti comuni per installarvi impianti non centralizzati di ricezione radiotelevisiva (o di qualsiasi altro flusso informativo, anche via satellite o via cavo), compresi i relativi collegamenti fino al punto di diramazione per le singole utenze, o impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di singole unità, a fronte di limitati vincoli (rispetto del decoro architettonico e minimizzazione del pregiudizio alle parti comuni) – in applicazione del consolidato principio generale che ammette, di massima, l’uso delle parti comuni per il miglior godimento delle porzioni private – il nuovo art. 1122-bis c.c., così come disposto dalla riforma in materia, stabilisce una procedura ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU