X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nelle scissioni, partecipazioni rivalutate ripartite a valori correnti

/ Paolo MENEGHETTI

Venerdì, 25 gennaio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La proroga della rivalutazione delle partecipazioni societarie disposta dalla L. 228/2012 riporta all’attualità il tema della determinazione del costo fiscalmente riconosciuto delle stesse quando, dopo la rivalutazione, vengono eseguite operazioni straordinarie. La questione principale attiene alla rideterminazione del valore della quota a seguito di scissione societaria, ma questioni altrettanto significative si presentano nella fusione e nella trasformazione.

Nella scissione societaria non si ha alcun realizzo di plusvalenze o minusvalenze e quindi il valore fiscalmente riconosciuto delle partecipazioni in capo ai soci deve rimanere complessivamente inalterato: ciò che era complessivamente determinato nella società ante scissione, deve essere uguale alla sommatoria dei valori delle partecipazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU