Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dividendi tassati al 100% se «provenienti» da società black list

Risulta però difficoltoso verificare se la società erogante abbia localizzato in un Paese a fiscalità privilegiata l’attività che ha originato gli utili

/ Leda Rita CORRADO

Venerdì, 1 marzo 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli uffici tributari talvolta negano l’esclusione da imposizione per gli utili distribuiti da una società residente in uno Stato white-listed, qualora derivino da attività poste in essere attraverso una stabile organizzazione ubicata in un Paese a fiscalità privilegiata. Le contestazioni sono fondate sulla valorizzazione degli incisi normativi in cui s’impone la tassazione integrale dei dividendi “provenienti” da società residenti in Paesi a fiscalità privilegiata.

In realtà, il sistema strutturale dell’esenzione è sterilizzato solo quando il soggetto che eroga i dividendi esteri – direttamente o tramite una struttura societaria complessa – è residente in un Paese a fiscalità privilegiata: la tassazione in misura piena in capo al percettore è giustificata dalla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU