X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Prededucibile il compenso per la redazione della domanda di concordato

L’art. 111 L. fall. è invocabile anche dall’estensore del ricorso, pure nel caso di transazione fiscale

/ Michele BANA

Martedì, 9 aprile 2013

Il credito maturato dal professionista per l’attività svolta in relazione alla presentazione del ricorso per concordato preventivo (art. 161 del RD n. 267/1942), nonché per la connessa domanda di transazione fiscale di cui al successivo art. 182-ter L.fall., non ha natura meramente privilegiata, essendo qualificabile come prededucibile, in quanto funzionale all’ammissione alla procedura: lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 8533/2013, pubblicata ieri, in accoglimento del reclamo opposto dall’estensore, avverso il provvedimento del Tribunale di Milano, che aveva negato l’inclusione di tale onorario tra i crediti prededucibili indicati dagli artt. 111 e 182-quater della L.fall.

I giudici di legittimità hanno affermato che la prima delle due disposizioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU