X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Distinzione tra cessione d’azienda e di singoli beni in base a elementi oggettivi

Per la Cassazione, non basta la volontà delle parti, ma va verificato se i beni ceduti siano idonei allo svolgimento di un’attività produttiva

/ Anita MAURO

Giovedì, 9 maggio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La distinzione tra un atto di cessione di singoli beni aziendali (soggetto ad IVA) ed un atto di cessione di azienda (soggetto ad imposta di registro), non può essere fondata sul solo esame della volontà delle parti. Invece, è necessario verificare, dal punto di vista oggettivo, se i beni ceduti siano dotati di un’effettiva organizzazione tale da renderli idonei, nel loro complesso, allo svolgimento di un’attività produttiva.
Questo è – in breve – il principio affermato dalla Corte di Cassazione, nella sentenza 8 maggio 2013 n. 10740.

La vicenda che ha dato luogo al giudizio non è nuova. A fronte di un atto, qualificato dalle parti come “cessione d’azienda” e assoggettato ad imposta di registro, l’Agenzia delle Entrate nega la correttezza della qualificazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU