X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Co.co.pro, agevolati anche i call center per ricerche di mercato e scientifiche

Il Ministero del Lavoro ha precisato che, in tal caso, la deroga ex art. 61 del DLgs. 276/2003 vale a prescindere dalla vendita di prodotti o servizi

/ Luca MAMONE

Martedì, 16 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con due recenti interventi di prassi, le Note n. 12693 e n. 12695, entrambe dello scorso 12 luglio, il Ministero del Lavoro ha fornito alcuni chiarimenti con riferimento, rispettivamente, alla disciplina dei co.co.pro. nel settore dei call center e all’impianto sanzionatorio nell’ambito del lavoro accessorio.

In particolare, con la nota 12693/2013, i tecnici ministeriali hanno chiarito che le disposizioni agevolative per i call center, che prevedono la non applicazione dei requisiti ex art. 61, comma 1 del DLgs. n. 276/2003, sono rivolte anche a quelli che svolgono attività scientifiche e di ricerca, a prescindere dall’effettuazione di vendite di prodotti o di servizi.

Si ricorda, infatti, che le attività di vendita diretta di beni e di servizi realizzate attraverso call center ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU