X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

PROFESSIONI

Fondi da restituire se per le prestazioni in corso è impossibile l’adeguata verifica

Operativa la misura che impone la restituzione al cliente se i destinatari della disciplina antiriciclaggio non sono in grado di rispettare gli obblighi

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 1 agosto 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

A fronte dell’impossibilità di effettuare l’adeguata verifica della clientela, i destinatari degli obblighi antiriciclaggio, prima di restituire i soldi al cliente, devono provare a contattarlo innanzitutto per tentare il completamento della procedura e, comunque, per ottenere le indicazioni del conto corrente sul quale operare la restituzione, diversamente depositando il tutto su un conto infruttifero.

Sono questi i principali chiarimenti forniti dal Ministero dell’Economia e delle finanze, nella nota del 30 luglio 2013 prot. n. 57889, al fine di definire l’ambito applicativo ed assicurare l’operatività delle novità introdotte dall’art. 18 comma 1 del DLgs. 169/2012 nell’ambito dell’obbligo di adeguata verifica della clientela.

Si ricorda, innanzitutto, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU