X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il valore delle azioni nel recesso è iniquo se diverge del 10% da quello corretto

La manifesta erroneità della valutazione del terzo nominato dal Tribunale è da valutare sulle regole tecniche e non tramite nozioni di comune esperienza

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 23 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito del recesso, la valutazione di “erroneitàdel valore di liquidazione delle azioni operata da un terzo nominato dal Tribunale, al pari del carattere manifesto dell’erroneità stessa, deve essere condotta in relazione alle regole tecniche sottese al suo operato e non in riferimento a nozioni di comune esperienza. In ogni caso, la valutazione è manifestamente iniqua” in presenza di un differenziale vicino al 10% rispetto a quella corretta.
Sono questi i rilevanti chiarimenti forniti dal Tribunale di Milano nella sentenza del 3 settembre 2013.

Nel contesto normativo disegnato dalla riforma del diritto societario, precisa innanzitutto la pronuncia in esame, il recesso del socio di spa va considerato un’ipotesi di disinvestimento alternativa, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU