X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per le erogazioni delle P.A., corrispettivi rilevanti ai fini IVA

Nella circ. 34 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su come distinguerli dai «contributi», che invece sono esclusi dall’imposta

/ Barbara ROSSI e Fabio Tullio COALOA

Venerdì, 22 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare 34 di ieri, l’Agenzia delle Entrate è tornata ad occuparsi del trattamento ai fini IVA dei contributi erogati dalle amministrazioni pubbliche.
In particolare, l’Agenzia ha fornito dei criteri utili agli operatori per distinguere le erogazioni qualificabili come contributi pubblici, non rilevanti ai fini IVA in quanto mere movimentazioni di denaro svincolate da qualsiasi rapporto obbligatorio tra le parti, da quelle configurabili come corrispettivi per prestazioni di servizi o cessioni di beni, rilevanti ai fini IVA.

In merito, attraverso precedenti documenti di prassi (ris. n. 61/2009, n. 21/2005, n. 16/2006), l’Agenzia aveva già chiarito che un contributo assume rilevanza ai fini IVA qualora venga corrisposto a fronte di un’obbligazione di dare, fare, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU