X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Prededucibili i crediti sorti da atti gestionali post concordato con riserva

La limitazione introdotta dal DL 145/2013 si riferisce espressamente ai «crediti sorti in occasione o in funzione» della procedura

/ Alfonso BADINI CONFALONIERI

Martedì, 1 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Come già riportato da Eutekne.info (si veda “Prededucibilità nel concordato in bianco soggetta a condizione” del 27 febbraio 2014), l’art. 11, comma 3-quater del DL n. 145/2013 (conv. L. n. 9/2014) ha introdotto una norma di interpretazione autentica della disciplina della prededuzione dei crediti prevista dall’art. 111 della L. fall., che, in generale, disciplina l’ordine di distribuzione delle somme ricavate dalla liquidazione dell’attivo in sede fallimentare

Si ricorda, in sintesi, che il citato comma limita la prededucibilità dei crediti sorti “in occasione o in funzione” del concordato con riserva, nel caso in cui questo abbia esito negativo e sia seguito da diversa procedura (fallimento o altro concordato). In particolare, la prededuzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU