X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Impugnabile il diniego alla richiesta di correzione dell’F24

Lo ha stabilito la Cassazione, se il mancato accoglimento della richiesta di correzione comporta una nuova pretesa impositiva

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 9 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

È impugnabile il rifiuto opposto dall’Amministrazione finanziaria all’istanza con la quale il contribuente ha richiesto la rettifica del codice tributo indicato nel modello F24. È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, con la sentenza 8214 di ieri, 8 aprile.

La pronuncia trae origine dal caso di un contribuente che aveva presentato una dichiarazione dei redditi, con la quale, tra l’altro, aveva denunciato una plusvalenza derivante da cessione d’azienda. Conseguentemente, era stato effettuato il versamento, mediante modello F24, delle imposte dovute sulla base della dichiarazione presentata.
Il contribuente, però, si era poi accorto di aver calcolato la plusvalenza con un metodo fiscale non più in vigore e, pertanto, aveva presentato una dichiarazione integrativa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU