X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il Fisco non può rettificare il valore dell’immobile all’asta

Per la Cassazione, con la vendita all’incanto il prezzo di aggiudicazione è del tutto imprevedibile ed è l’unico da considerare per la base imponibile

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 16 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La base imponibile per la liquidazione dell’imposta di registro dovuta sull’atto di trasferimento di un immobile, ceduto mediante vendita all’incanto, è costituita dal prezzo di aggiudicazione, senza possibilità per il Fisco di rideterminare tale valore. È quanto si desume dalla recente sentenza della Corte di Cassazione n. 15948/2014.

L’art. 43 del TUR (DPR 131/1986) stabilisce che la base imponibile, per i contratti a titolo oneroso traslativi o costitutivi di diritti reali, è data dal valore del bene o del diritto alla data dell’atto ovvero, per gli atti sottoposti a condizione sospensiva, ad approvazione o ad omologazione, alla data in cui si producono i relativi effetti traslativi o costitutivi. Per quanto concerne, in particolare, gli atti traslativi a titolo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU