X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IMPRESA

La «231» estende all’ente le garanzie difensive per la persona fisica

«Non obbligatorietà dell’azione» e prescrizione presentano però peculiarità

/ Maria Francesca ARTUSI e Alberto DE SANCTIS

Giovedì, 2 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In materia di responsabilità amministrativa/penale degli enti, può essere interessante un focus su alcuni aspetti procedurali che è opportuno tenere presenti nella valutazione dei rischi aziendali legati alla commissione di un reato.

L’art. 34 del DLgs. 231/2001 stabilisce che nel procedimento a carico dell’ente si devono applicare, oltre alle norme previste dal decreto stesso, anche quelle del codice di procedura penale “in quanto compatibili”.
Di particolare rilevanza è la disposizione contenuta nel successivo  art. 35, che estende agli enti – sempre in quanto applicabili – le garanzie difensive che l’ordinamento, sia a livello di legge ordinaria che di rango costituzionale, riconosce nei confronti della persona fisica imputata in un processo penale.

All’ente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU