X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Prima casa con IVA al 4% anche se il compromesso è per l’immobile di lusso

Per effetto della modifica introdotta dal DLgs. 175/2014, è possibile rettificare le relative fatture mediante variazione in diminuzione

/ Alessandro BORGOGLIO

Lunedì, 26 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’art. 33 del DLgs. 175/2014, il legislatore ha finalmente posto rimedio al disallineamento tra la disciplina IVA e quella del Registro ai fini dell’applicazione dell’agevolazione “prima casa”, venutasi a creare a seguito dell’entrata in vigore, a decorrere dal 1° gennaio 2014, delle disposizioni di cui al DLgs. 23/2011, che hanno riformato la tassazione sui trasferimenti immobiliari.

In particolare, l’art. 10 del DLgs. 23/2011, intervenendo sul primo comma dell’art. 1 della Tariffa, Parte Prima, allegata al DPR 131/1986, ha previsto l’applicazione, dal 1° gennaio 2014, dell’imposta di registro nella misura del 2% per gli atti di trasferimento di “case di abitazione, ad eccezione di quelle di categoria catastale A1, A8 e A9 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU