Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Prima casa con IVA al 4% anche se il compromesso è per l’immobile di lusso

Per effetto della modifica introdotta dal DLgs. 175/2014, è possibile rettificare le relative fatture mediante variazione in diminuzione

/ Alessandro BORGOGLIO

Lunedì, 26 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’art. 33 del DLgs. 175/2014, il legislatore ha finalmente posto rimedio al disallineamento tra la disciplina IVA e quella del Registro ai fini dell’applicazione dell’agevolazione “prima casa”, venutasi a creare a seguito dell’entrata in vigore, a decorrere dal 1° gennaio 2014, delle disposizioni di cui al DLgs. 23/2011, che hanno riformato la tassazione sui trasferimenti immobiliari.

In particolare, l’art. 10 del DLgs. 23/2011, intervenendo sul primo comma dell’art. 1 della Tariffa, Parte Prima, allegata al DPR 131/1986, ha previsto l’applicazione, dal 1° gennaio 2014, dell’imposta di registro nella misura del 2% per gli atti di trasferimento di “case di abitazione, ad eccezione di quelle di categoria catastale A1, A8 e A9 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU