Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

La revoca per giusta causa dei sindaci di srl «passa» sempre dal tribunale

Necessario un controllo giurisdizionale volto ad appurare la sopravvenuta insussistenza dell’obbligo correlato al capitale sociale

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 27 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini della revoca per giusta causa dei sindaci di srl nominati in relazione all’entità del capitale sociale deve ritenersi imprescindibile il decreto di approvazione del Tribunale, ex art. 2400 comma 2 c.c., anche se solo per accertare che la nomina dell’organo sia esclusivamente dipesa dall’abrogato secondo comma dell’art. 2477 c.c. A precisarlo è il Ministero della Giustizia nella nota 13 gennaio 2015 n. 4865, richiamata dalla circolare 19 gennaio 2015 n. 6100 del Ministero dello Sviluppo economico.

Si ricorda che l’art. 20 comma 8 del DL 91/2014 convertito ha abrogato il secondo comma dell’art. 2477 c.c., che imponeva la nomina dell’organo di controllo o del revisore nelle srl con capitale sociale non inferiore a quello minimo stabilito per le ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU