X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Valore del conto d’ordine «pari» al valore della garanzia prestata

Indicazioni per redigere il bilancio 2014 con la giusta attenzione alle garanzie prestate dall’impresa sono contenute negli OIC 22 e 31

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Lunedì, 9 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel redigere il bilancio del 2014 è necessario prestare la giusta attenzione al tema delle garanzie prestate da parte dell’impresa.
L’OIC 22, relativo ai conti d’ordine, precisa che è necessario distinguere tra garanzie personali e reali concesse a favore dei creditori per debiti altrui, dalle garanzie reali relative a debiti propri. Mentre nel primo caso, cioè garanzie personali e reali concesse a favore dei creditori per debiti altrui, è richiesta l’iscrizione nei conti d’ordine, nel secondo caso, ovvero costituzione di una garanzia reale relativa a debiti propri, “il bene gravato da pegno o da ipoteca è assoggettato al rischio di esproprio: tale circostanza non costituisce motivo di iscrizione nei conti d’ordine”.
Il principio contabile sottolinea ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU