X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Tra provvista e incrementi patrimoniali occorre sempre un nesso specifico

L’Amministrazione finanziaria richiede la prova che le disponibilità finanziarie siano state utilizzate proprio per l’incremento contestato

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 11 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, durante Telefisco 2015, ha fornito un importante chiarimento sul nuovo redditometro e, in particolare, sulla prova contraria relativa alla presunzione di maggior reddito fondata sulle spese per incrementi patrimoniali.

Occorre ricordare brevemente che, ai sensi del nuovo art. 38, comma 4 del DPR 600/1973, l’ufficio può sempre determinare sinteticamente il reddito complessivo del contribuente sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d’imposta, salva la prova che il relativo finanziamento è avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d’imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU