X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Credito per le imposte pagate all’estero più facile con le Convenzioni

La circolare n. 9/2015 dell’Agenzia delle Entrate analizza per la prima volta in modo organico la disciplina dell’art. 165 del TUIR

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 6 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate ha diramato ieri, 5 marzo 2015, la corposa circolare n. 9, con la quale è stata esaminata per la prima volta in modo organico la disciplina del credito per le imposte pagate all’estero contenuta nell’art. 165 del TUIR, con orientamenti che riprendono per lo più quelli maggiormente condivisi dalla dottrina e dalla giurisprudenza.

In merito ai redditi che si considerano prodotti all’estero (e che danno, quindi, diritto alla detrazione), l’Agenzia precisa che, in presenza di una Convenzione con l’altro Stato che elimina la doppia imposizione per i soggetti residenti in Italia con il metodo del credito (sono tali tutte quelle stipulate dall’Italia), si considerano prodotti all’estero tutti i redditi che sono stati tassati dall’altro ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU