Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 febbraio 2023

FISCO

Sempre deducibili i costi black list non separatamente indicati in UNICO

Si consolida l’orientamento meno gravoso per il contribuente, con la sola sanzione del 10% anche per le violazioni ante 2007

/ Luisa CORSO

Sabato, 28 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la pronuncia n. 6205 di ieri, 27 marzo 2015, la Corte di Cassazione conferma l’efficacia retroattiva dell’abolizione del regime di indeducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse con controparti localizzate in Paesi a fiscalità privilegiata e non separatamente indicati in dichiarazione; anche alle violazioni commesse anteriormente al 1° gennaio 2007 si applica quindi, in presenza delle esimenti di legge, la sola sanzione amministrativa del 10% delle spese e dei componenti negativi, con un minimo di 500 e un massimo di 50.000 euro (art. 8 comma 3-bis del DLgs. 471/97, introdotto dall’art. 1 comma 302 della L. 296/2006).

Nel caso di specie, l’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per Cassazione avverso la sentenza della C.T. Reg. Piemonte che, in forza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU