ACCEDI
Sabato, 13 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Trovano conferma i «corridoi doganali» per le imprese importatrici

La procedura è illustrata nella risposta del sottosegretario Zanetti ad un’interpellanza alla Camera

/ Emanuele GRECO

Martedì, 16 giugno 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Dogane ha di recente annunciato l’attivazione, in via sperimentale, di “corridoi controllati”, stradali e ferroviari, per la movimentazione di container dal punto di sbarco fino ai magazzini di temporanea custodia situati nei cosiddetti “retroporti”.

La movimentazione della merce dal porto di sbarco fino al nodo logistico di destinazione avviene mediante utilizzo del regime del transito, senza le formalità richieste da tale regime (e in particolare senza l’emissione del documento “T1”) dallo sbarco fino al magazzino di temporanea custodia.
Con la nota n. 44053 datata 13 aprile 2015, l’Agenzia ha fornito indicazioni per l’attivazione della suddetta procedura per via stradale (“fast corridor stradale”); ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU