Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Conta l’utilità della spesa per la deducibilità delle sponsorizzazioni

Secondo la Regionale di Milano, il mancato incremento dei ricavi non è sufficiente per disconoscere le spese sostenute

/ Enrico SAVIO

Mercoledì, 24 febbraio 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

La mancata dimostrazione di un “proporzionato” ritorno economico non necessariamente può compromettere la deducibilità di una spesa pubblicitaria da parte dell’impresa sostenitrice. Infatti, l’impegno finanziario sostenuto a titolo di sponsorizzazione, così come ogni altro costo connesso con l’attività svolta, rappresentata un rischio per l’imprenditore, il quale, pur operando nel tentativo di aumentare i propri ricavi e acquisire nuova clientela, non può sicuramente avere la certezza di raggiungere gli obiettivi sperati.
Quanto sopra, già sostenuto dalla C.T. Prov. Mantova n. 191/1/13, è stato recentemente confermato in appello dalla Regionale di Milano. I giudici lombardi, con la sentenza n. 3421/67/15, seguendo il filo logico dei giudici di prime cure, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU