X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Utilizzo dei voucher «diversificato» per il settore agricolo

Il decreto che integra e corregge le disposizioni in materia di lavoro accessorio tiene conto delle specificità dell’attività

/ Elisa TOMBARI

Venerdì, 17 giugno 2016

Lo schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive dei DLgs. nn. 81, 148, 149, 150 e 151 del 2015 – che dopo l’approvazione in via preliminare nel CdM del 10 giugno scorso sarà trasmesso a Camera e Senato per i dovuti pareri – all’art. 1 interviene sugli artt. 48 e 49 del DLgs. 81/2015 in materia di prestazioni di lavoro accessorio, introducendo due modifiche di rilievo, volte rispettivamente a precisare l’ambito applicativo della disciplina ed a favorire la tracciabilità dei voucher.

Le modifiche riguardanti l’art. 48 sono finalizzate ad escludere il settore agricolo dall’applicazione della regola per cui, se i committenti sono imprenditori o professionisti, il prestatore di lavoro accessorio può percepire da ciascuno di essi compensi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU