X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nei reati tributari l’imposta evasa si determina in base al dato fattuale reale

Ai fini dell’infedele dichiarazione la verifica del giudice penale può entrare in contraddizione con quella effettuata dinanzi al giudice tributario

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 23 settembre 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nei reati tributari, per “imposta evasa” deve intendersi l’intera imposta dovuta all’Erario, da determinarsi, tenuto conto delle risultanze probatorie acquisite nel processo penale, sulla base dell’analisi e della contrapposizione tra ricavi e costi d’esercizio fiscalmente detraibili. Tale analisi avviene attraverso un criterio di prevalenza del dato fattuale reale rispetto ai criteri di natura meramente formale che caratterizzano l’ordinamento tributario.

Ai fini della configurabilità del reato di infedele dichiarazione (di cui all’art. 4 del DLgs. 74/2000) ed al fine della verifica del superamento delle soglie di rilevanza penale applicabili a tale fattispecie, per la determinazione dell’imposta sottratta, deve tenersi conto anche degli ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU