X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con locazione non registrata, il conduttore non deve pagare il canone

Per la nullità del contratto, il locatore può avere solo il diritto a un compenso per l’ingiustificato arricchimento del conduttore o al risarcimento del danno

/ Michela SCHEPIS

Martedì, 3 gennaio 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n. 25503 del 13 dicembre 2016, si è pronunciata sugli effetti conseguenti allomessa registrazione di un contratto di locazione di immobile ad uso non abitativo.
Dalla pronuncia si possono ricavare i seguenti principi:
- il contratto di locazione non registrato è nullo ai sensi dell’art. 1 comma 346 della L. 30 dicembre 2004 n. 311;
- la prestazione compiuta in esecuzione di un contratto nullo costituisce un indebito oggettivo, regolato dall’art. 2033 c.c. e non dall’art. 1458 c.c.;
- l’eventuale irripetibilità della prestazione potrà attribuire al solvens, ricorrendone i presupposti, il diritto al risarcimento del danno, ex art. 2043 c.c., o al pagamento dell’ingiustificato arricchimento ex art. 2041 c.c.

In particolare, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU