X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 9 agosto 2020

FISCO

Studi di settore limitati nell’accertamento per le cooperative

Va tenuto conto delle particolari situazioni di mercato in cui opera la cooperativa influenzate dal perseguimento di fini mutualistici

/ Giovambattista PALUMBO

Lunedì, 20 febbraio 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

La C.T. Reg. della Toscana, con la sentenza n. 348/13/17 dell’8 febbraio 2017, ha chiarito una fattispecie in tema di applicazione degli studi di settore alle società cooperative.

Nel caso di specie una cooperativa, con attività prevalentemente svolta dalle tre socie lavoratrici, presentava ricorso alla C.T. Prov. contro un avviso di accertamento di maggiori ricavi, determinati in base agli studi di settore. La Provinciale rigettava il ricorso, ritenendo che si trattasse in realtà di una compagine lucrativa di società di persone piuttosto che di una società perseguente fini mutualistici (con presunzione dell’utilizzo della struttura cooperativa a meri fini elusivi).
Secondo i giudici le argomentazioni del ricorrente non erano sufficienti a escludere l’applicabilità degli studi, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU