X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 28 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Nel bilancio 2016 vanno verificate le poste da attualizzare

Particolare attenzione meritano i crediti e i debiti con tassi di interesse non di mercato

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Mercoledì, 12 aprile 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se il criterio del costo ammortizzato in molti casi potrà non essere applicato nel bilancio 2016 grazie alla possibilità di ricorrere al nuovo principio della rilevanza (art. 2423, comma 4 c.c.), non sarà spesso così per le situazioni che richiedono l’attualizzazione dei crediti e dei debiti, poiché i principi contabili indicano che generalmente gli effetti non sono rilevanti soltanto quando la scadenza è inferiore a dodici mesi (OIC 19, § 42; OIC 15, § 33).

L’esigenza di attualizzare è prevista dall’art. 2426 c.c., n. 8), il quale prevede che “i crediti e i debiti sono rilevati in bilancio secondo il criterio del costo ammortizzato, tenendo conto del fattore temporale e, per quanto riguarda i crediti, del valore di presumibile realizzo”.
I debiti e i crediti devono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU