X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Esecuzione del nuovo concordato preventivo con regole dettagliate

I provvedimenti attuativi dovranno disciplinare meglio la fase anche con riguardo alle operazioni straordinarie e regolamentare il voto dei creditori

/ Michele BANA

Lunedì, 13 novembre 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 6 della L. 155/2017 (“Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza”) prospetta importanti novità con riguardo al concordato preventivo, non soltanto con riferimento alla fase dell’ammissione (si veda “Nuovo concordato preventivo finalizzato alla continuità aziendale” del 6 novembre 2017), ma anche a quella dell’approvazione e dell’esecuzione della proposta omologata.

In primo luogo, per quanto concerne il procedimento di votazione da parte dei creditori, sono previsti alcuni significativi interventi normativi, diretti al conseguimento di specifiche finalità (art. 6, comma 1, lett. g) e h) della L. 155/2017):
- sopprimere l’adunanza dei creditori, previa regolamentazione delle modalità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU