X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 23 settembre 2018

Professioni

Spesometro, per gli studi una perdita di 1.600 euro

Secondo un sondaggio della FNC, solo il 27,4% dei commercialisti è riuscito a fatturare l’adempimento ai clienti. Miani: «Ora le semplificazioni»

/ Savino GALLO

Venerdì, 8 dicembre 2017

A fronte di circa 1,32 miliardi di gettito in più l’anno in corso, al momento solo stimati dalla relazione tecnica al DL 193/2016 ma non ancora certificati dalla Ragioneria generale dello Stato, numeri certi sull’invio dei dati delle fatture emesse e ricevute nel primo semestre 2017 ci sono già e riguardano i costi sostenuti dai commercialisti per farvi fronte: ognuno dei quasi 70 mila studi italiani ci ha rimesso, in media, 1.600 euro, per una perdita secca aggregata pari a 113 milioni.

A fornire i numeri è la Fondazione nazionale dei commercialisti che, attraverso un’indagine interna alla categoria, ha voluto analizzare il “peso” dello spesometro, reso quantomai gravoso a causa delle tante difficoltà tecniche riscontrate, della necessità di adeguare i propri software

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU