X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

FISCO

Corrispondenza tra contribuente e parte pubblica da tenere riservata

Un richiamo può essere la leale collaborazione che deve sussistere tra le parti

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 12 febbraio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 48 del Codice deontologico degli avvocati, approvato dal Consiglio nazionale forense il 31 gennaio 2014, stabilisce che “l’avvocato non deve produrre, riportare in atti processuali o riferire in giudizio la corrispondenza intercorsa esclusivamente tra colleghi qualificata come riservata...”, salvo quest’ultima costituisca perfezionamento e prova di un accordo o ne assicuri l’adempimento.

La norma è posta a tutela dei doveri di lealtà e correttezza che contrassegnano l’esercizio della professione forense e la condotta deontologicamente illecita è punita con la sanzione della censura (comma 5 dell’art. 48 citato). Perciò, pone in essere un comportamento disciplinarmente rilevante il professionista che produca in giudizio una lettera inviatagli

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU