Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dal CNDCEC un modello per la riorganizzazione digitale degli studi

Il documento diffuso ieri propone una gestione interamente digitalizzata dei processi di fatturazione, contabilizzazione e conservazione dei documenti

/ REDAZIONE

Sabato, 14 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Perché l’introduzione dell’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica possa trasformarsi da potenziale rischio di perdita di clientela in un’opportunità di crescita per i commercialisti, occorre che gli studi professionali provvedano a una riorganizzazione del lavoro e delle procedure, nonché alla riqualificazione del personale per gestire il passaggio dalla contabilità analogica a quella elettronica.
È quanto evidenziato in un documento diffuso ieri dal Consiglio nazionale dei commercialisti, unitamente alla Fondazione nazionale dei commercialisti.

L’obbligo di emettere fattura elettronica mediante il Sistema di Interscambio per le operazioni effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati ai fini IVA in Italia è stato previsto dalla legge di bilancio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU