X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

IVA addebitata per errore complicata dai termini per il rimborso

Gli ultimi interventi normativi non hanno risolto il problema della discrasia dei termini

/ Alfio CISSELLO e Antonio NICOTRA

Martedì, 5 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La disciplina del rimborso dell’IVA addebitata indebitamente o in eccesso nel quadro del rapporto di rivalsa è stata oggetto di alcuni importanti interventi legislativi che si sono susseguiti negli ultimi tempi.

In ordine cronologico, la L. 167/2017 ha introdotto l’art. 30-ter nel DPR 633 del 1972, riconoscendo, per la prima volta in modo espresso, il diritto del soggetto passivo al rimborso dell’IVA indebitamente versata (non risulta più necessario, almeno a livello generale, il ricorso all’art. 21 del DLgs. 546/92).
Con la L. 205/2017 è stato modificato l’art. 6 comma 6 del DLgs. 471/97, riconoscendo al cessionario la detrazione dell’IVA applicata dal cedente in misura superiore, con applicazione della sola sanzione fissa (da 250 a 10.000 euro).

Restano fuori ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU