X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Senza soglia le vendite a distanza di vino e altre bevande alcoliche

/ Francesco D'ALFONSO

Sabato, 7 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per gli scambi tra Stati membri dell’Ue di beni soggetti ad accisa (es. vino), è prevista, ai fini IVA, una disciplina che deroga parzialmente a quella stabilita per le altre tipologie di beni. Per questi beni, infatti, se con riferimento alle operazioni tra soggetti passivi nulla cambia rispetto alle ordinarie regole impositive previste per gli scambi intracomunitari, per le operazioni che vedono come acquirenti consumatori privati comunitari la normativa vigente non corrisponde a quella prevista per la maggior parte degli altri beni.

A tale ultimo riguardo, occorre premettere che l’art. 33 della direttiva 2006/112/CE dispone, fra l’altro, che in linea generale è considerato luogo di una cessione di beni spediti o trasportati dal fornitore o per suo conto, a partire da uno ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU