ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

È penalmente punibile non fornire notizie agli ispettori del lavoro

L’omessa risposta costituisce reato anche quando la richiesta di informazioni non è rivolta al datore di lavoro personalmente

/ Mario PAGANO

Martedì, 28 agosto 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ignorare le richieste che pervengono dagli ispettori del lavoro nel corso dell’attività ispettiva può comportare sanzioni di natura penale. Questo profilo dell’attività dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro risulta spesso ignorato o quanto meno sottovalutato e trova il suo fondamento nel comma 7 dell’art. 4 della L. 628/61, secondo cui “coloro che, legalmente richiesti dall’Ispettorato di fornire notizie non le forniscano o le diano scientemente errate ed incomplete, sono puniti con l’arresto fino a due mesi o con l’ammenda fino a 516 euro”.

La fattispecie in questione, prevedendo l’alternatività tra pena detentiva e pecuniaria, è stata esclusa dall’ampia depenalizzazione posta in essere con il DLgs. n. 8/2016 che ha stabilito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU