X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 25 settembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Lettere

Nessuno vuole ammettere che non siamo ancora pronti per l’e-fattura

Mercoledì, 12 settembre 2018

Egregio Direttore,
or ora leggo la lettera del collega Cramarossa, che, dimostrando non solo di essere un ottimo professionista, ma anche un compiuto biologo, ricorda la composizione dei nostri corpi (si veda “I commercialisti sono fatti per il 90% di adempimenti telematici”). Ormai siamo totalmente immersi in un mondo telematico e sempre più uguali a Matrix...

I nostri governanti lo sanno bene e ormai ci affidano di tutto e di più. Ormai per noi implementare qualsiasi nuova app o software dal sito dell’Agenzia delle Entrate è diventato quasi un gioco da ragazzi. Compresa la famigerata fatturazione elettronica, che partirà per tutti (salvo rare eccezioni) il 1° gennaio 2019. Nessuno ne parla e si preoccupa, con campagne sui media, di avvisare la massa che, viceversa, tutto cambierà in modo radicale.

Nessuno vuole ammettere che non siamo ancora pronti per questa vera rivoluzione copernicana.
Non si tratta solo di gestire nuovi adempimenti, perché a quelli ci abituiamo in un millesimo di secondo.
Non si tratta di effettuare nuovi investimenti in costosi software e hardware. Tanto, nessuno ci aiuta e sopportiamo in silenzio.
Non si tratta di pagare corsi di formazione per il nostro personale. Anche a quelli ci siamo abituati e in silenzio annuiamo, come i cani di Pavlov.
Dobbiamo avvisare i nostri clienti di questo nuovo obbligo che sarà comunque per loro molto oneroso.

Nel mentre, come la prenderà la vecchietta che andrà dal dentista e si sentirà rispondere che la e-fattura non è pronta perché il Sistema di Interscambio ha tempo fino a 5 giorni per notificarla?

Se ci chiederanno come mai i nostri governanti abbiano confermato di rimanere coerenti alla originale scadenza del 1° gennaio 2019, potremo rispondere ricordando Oscar Wilde: “La coerenza è l’ultimo rifugio delle persone prive di immaginazione”.


Maria Antonietta Carta
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano

TORNA SU