X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Le partecipazioni in società quotate in borsa non sono mai «black list»

Anche per le plusvalenze qualificate si profila, dal 2019, il regime di imposizione sostitutiva del 26%

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 20 settembre 2018

Lo schema di DLgs. di attuazione della direttiva 2016/1164/UE prevede, tra le modifiche al regime dei capital gain di fonte estera, l’estensione dell’imposizione sostitutiva del 26% alle plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate quotate in società a regime fiscale privilegiato.

Pur nella complessità del quadro normativo che risulterebbe a seguito di queste modifiche, sembra quindi di comprendere che tutti i redditi finanziari (sia i dividendi, sia le plusvalenze) che emergono dal possesso o dalla cessione di partecipazioni quotate siano tassati, dal 2019, con le regole ordinarie previste per i redditi di fonte estera, indipendentemente dalla localizzazione della partecipata e dal connesso regime impositivo nel proprio Stato di residenza.

Per inquadrare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU