X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Nel DEF addio a IRI e ACE per fare posto a minimi e dual tax

Per l’1,2 milioni di imprese che si avvalgono dell’aiuto alla crescita economica potrebbe trattarsi di un cambiamento tutt’altro che positivo

/ Enrico ZANETTI

Sabato, 6 ottobre 2018

Addio all’IRI e all’ACE per fare posto all’ampliamento del regime forfetario delle piccole partite IVA individuali e alla nuova “dual tax” delle società di capitali che affiancherà all’ordinaria aliquota del 24% una aliquota ridotta al 15% che si applicherà sui redditi corrispondenti agli utili destinati all’acquisto di beni strumentali e alle nuove assunzioni.
È quanto si legge alla pagina 41 della Nota di Aggiornamento al DEF 2018, inviata dal Governo al Parlamento nella tarda serata di giovedì.

L’ampliamento del regime forfetario dovrebbe consentire a circa 500.000 partite IVA individuali, con fatturato compreso tra le attuali soglie massime di fatturato e la futura nuova soglia di 65.000 euro, di aggiungersi al milione di partite IVA individuali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU