X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 19 novembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Se l’asseverazione è tardiva non spetta il bonus per gli interventi antisismici

Per beneficiare delle detrazioni del 70% e dell’80%, l’asseverazione del professionista deve essere allegata alla SCIA

/ Arianna ZENI

Venerdì, 12 ottobre 2018

Un’asseverazione tardiva della riduzione della classe di rischio sismico dell’edificio non consente di beneficiare delle detrazioni “potenziate” del 70% e dell’80% previste in relazione ad alcuni interventi antisismici.
Lo precisa l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello n. 31 di ieri, 11 ottobre 2018.

Al riguardo si ricorda che, per i lavori volti all’adozione di misure antisismiche di cui alla lett. i) dell’art. 16-bis comma 1 del TUIR che consentono di fruire della detrazione IRPEF del 50% per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2018 (a regime la detrazione è del 36%), l’art. 16 del DL 4 giugno 2013 n. 63 prevede un potenziamento delle agevolazioni nel caso in cui gli edifici sui quali sono eseguiti gli interventi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU