X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Niente omessa IVA se nel concordato il giudice vieta di pagare i crediti

Superato l’orientamento che vedeva irrilevante il concordato preventivo rispetto al reato tributario

/ Andrea LORO

Lunedì, 29 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sulla possibilità di ritenere configurabile il reato di omesso versamento IVA di cui all’art. 10-ter del DLgs. 74/2000 nel caso in cui il debitore sia stato ammesso al concordato preventivo in epoca anteriore alla scadenza del termine per il relativo versamento del debito scaduto, si è manifestato un vivace e articolato dibattito, sia in ambito dottrinale che giurisprudenziale.

In particolare, un primo orientamento riteneva sussistente il reato pur in presenza di ammissione, in data antecedente alla scadenza del termine previsto per il versamento IVA, al concordato preventivo.
Secondo tale indirizzo giurisprudenziale, infatti, in tema di omesso versamento IVA, l’ammissione alla procedura di concordato preventivo, seppure antecedente alla scadenza del termine previsto per il versamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU