ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per definire la lite, vale la data del 24 ottobre anche per il reclamo

Il Senato approva il Ddl. di conversione del DL 119/2018, che ora passa alla Camera

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 29 novembre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per effetto dell’art. 6 del DL 119/2018 è possibile definire le liti pendenti che rientrano nella giurisdizione tributaria in cui è controparte l’Agenzia delle Entrate.

Va subito detto che ieri, 28 novembre 2018, il Senato ha approvato con 147 voti favorevoli, 104 contrari e 6 astensioni il disegno di legge di conversione del DL 119/2018, con cui si propone di apportare alcune modifiche all’istituto. Il testo passa ora al vaglio della Camera. La struttura di base, comunque, non muta, essendo, ad esempio, sempre necessario che si tratti di liti pendenti al 24 ottobre 2018.

Il beneficio della definizione consiste nello stralcio di soli sanzioni e interessi se la causa pende in primo grado senza che ci sia stata la sentenza, se pende in sede di rinvio o se il contribuente è risultato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU