X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riduzione IMU e TASI condizionata per i nuovi accordi territoriali

Per i contratti sottoscritti secondo gli accordi ex DM 16 gennaio 2017 senza l’assistenza delle associazioni di categoria, necessaria l’attestazione

/ Stefano SPINA

Martedì, 11 dicembre 2018

A partire dal 2016, ai sensi dell’art. 13 comma 6-bis del DL n. 201/2011, le aliquote IMU e TASI deliberate dai singoli Comuni sono ridotte del 25% se l’immobile abitativo è locato con un contratto a “canone concordato” ai sensi della L. 9 dicembre 1998 n. 431.

Le tipologie contrattuali alle quali si applica l’agevolazione sono:
- contratti di locazione a canone concordato di cui all’art. 2 comma 3 della L. 431/98. I contratti sono finalizzati a soddisfare esigenze abitative durature del conduttore e devono essere conformi alle pattuizioni e alla forma previste negli accordi territoriali conclusi tra le associazioni rappresentative delle categorie della proprietà edilizia e dei conduttori. La durata minima non può essere inferiore a tre anni con una proroga

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU