X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dichiarazione che comporta minore tassa rifiuti efficace dal giorno dopo

La Cassazione si è espressa sulla presentazione della denuncia di un’utenza non domestica

/ Antonio PICCOLO

Venerdì, 22 febbraio 2019

La corretta quantificazione della tassa sui rifiuti, nelle sue diverse forme impositive dalla TARSU all’attuale TARI (circ. n. 3/DF del 2010), è sempre stato un tema controverso, a prescindere dalla tipologia dell’utenza, domestica o non domestica. Da una parte i Comuni che, con i propri regolamenti caratterizzati dall’esigenza di fare gettito per coprire interamente le spese del servizio di smaltimento rifiuti, hanno disciplinato il tributo sotto i profili qualitativo (categorie di appartenenza) quantitativo (superficie imponibile) con una certa rigorosità; dall’altra parte i contribuenti (persone fisiche private, imprenditori, professionisti, società, enti) che, in molti casi, non si raccordano né con la politica degli enti locali impositori né con i loro affidatari

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU