X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ancora dubbi sulla rilevanza fiscale del badwill nella cessione d’azienda

Nonostante la posizione dell’Agenzia delle Entrate in una risposta a interpello, si auspica un chiarimento definitivo

/ Luca MIELE

Lunedì, 7 gennaio 2019

Il regime di tassazione dell’avviamento negativo in caso di cessione di azienda presenta ancora qualche dubbio interpretativo.

Il cosiddetto badwill emerge quando il prezzo pagato per l’azienda è inferiore alla differenza tra i valori delle attività e quelli delle passività e, secondo un primo orientamento, la sua valenza dovrebbe essere limitata all’ambito contabile, non assumendo invece rilevanza ai fini tributari. A tali fini, infatti, dovrebbe rilevare il solo costo di acquisto; peraltro il riconoscimento fiscale del badwill determinerebbe l’effetto di rivalutare fiscalmente il valore delle attività.

Tuttavia, la prassi amministrativa è di diverso avviso. Infatti, l’Agenzia delle entrate, nella risoluzione n. 184 del 2007, ha affermato, in relazione a una acquisizione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU