X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Da gennaio aumentano le retribuzioni nel settore dei fiori freschi recisi

Prevista inoltre, per le lavoratrici, l’estensione dell’aspettativa con retribuzione al 30% fino al primo anno di vita del figlio

/ Alessandro MORI

Venerdì, 4 gennaio 2019

Con accordo siglato lo scorso 18 dicembre, Ancef e le OO.SS. Flai-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL hanno rinnovato la disciplina collettiva applicabile ai dipendenti da aziende esercenti la lavorazione, il commercio, il trasporto, l’esportazione e l’importazione all’ingrosso di fiori freschi recisi, verde e piante ornamentali, come risultante dal CCNL 11 aprile 2013 e dalle successive modifiche e integrazioni di cui all’accordo 22 giugno 2016. La nuova disciplina, fatte salve le decorrenze specifiche previste per taluni istituti, entra in vigore al 1° gennaio 2019 e scadrà il 31 dicembre 2022.

In primo luogo si segnala l’incremento della retribuzione tabellare, con i seguenti importi da considerare già per il cedolino paga del mese di gennaio 2019: Liv. Q: 1.836,49 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU