X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 21 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ancora difficoltà per la separazione delle attività nel comparto immobiliare

La circ. n. 19/2018 non sembra superare i limiti per dividere in ogni caso cessioni esenti da imponibili

/ Fabio Tullio COALOA e Emanuele GRECO

Venerdì, 15 marzo 2019

In base alla regola di carattere generale di cui all’art. 36 comma 3 del DPR 633/72, la separazione delle attività, in ambito IVA, è sicuramente ammessa per le attività contraddistinte da un diverso codice ATECO; in deroga, per il settore immobiliare, è altresì prevista la possibilità di separare le attività all’interno dello stesso codice.
Come evidenziato dall’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 22 del 2013, con specifico riferimento a detto settore, la formulazione letterale della norma presuppone un criterio di separazione basato non solo sul regime IVA dell’operazione (esenzione o imponibilità) ma anche sulla classificazione catastale dell’immobile (abitativo o diverso dall’abitativo).

Ne consegue che i sub-settori ulteriormente separabili nell’ambito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU