ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

E-fattura per l’acquisto di beni e servizi promiscui degli ENC con ripartizione dei costi

A fronte dell’unica fattura ricevuta, si ritiene che l’associazione possa solo suddividere l’importo in base a parametri il più possibile oggettivi

/ Francesco NAPOLITANO

Giovedì, 28 febbraio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’acquisto di beni o servizi da parte di enti non commerciali prevede modalità di fatturazione differenti, da parte del fornitore, in relazione al fatto che tali soggetti effettuino esclusivamente attività di natura istituzionale o esercitino anche attività di natura commerciale.

Occorre, infatti, differenziare l’ente in possesso soltanto del codice fiscale rispetto a quello in possesso anche della partita IVA. Nel primo caso, l’ente è considerato alla pari di un consumatore finale, e quindi il fornitore emetterà la fattura con il codice destinatario “0000000”, inserendo nel campo delle informazioni di carattere anagrafico il codice fiscale dell’associazione (cfr. provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 89757/2018, § 3.4).

Nel suddetto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU