X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 marzo 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dichiarazione sommaria di entrata per merci da Uk a Ue con «no deal» Brexit

Se i beni sono entrati nell’Unione europea prima del 30 marzo, manterranno il loro status di merce unionale

/ Lorenzo UGOLINI

Mercoledì, 13 marzo 2019

Ieri la Camera dei Comuni britannica ha bocciato il nuovo accordo su Brexit negoziato dalla Premier Theresa May con i partner europei. È previsto per oggi il voto sull’uscita senza accordo: se l’uscita senza accordo sarà respinta, domani si voterà sulla richiesta all’Ue di un’estensione dell’art. 50 del Trattato.

Intanto la Commissione europea ha emanato l’articolata nota di orientamento dell’11 marzo 2019, nell’ipotesi in cui si verifichi, il 30 marzo, la no deal Brexit.
Dalla data di recesso ex art. 50 del TFUE, le merci introdotte dal Regno Unito nel territorio doganale comunitario dovranno essere coperte da una dichiarazione sommaria di entrata (ENS), laddove richiesto, presentata secondo le disposizioni di cui agli artt. 182 e ss. del Reg. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU