X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la crociera l’IVA è sui trasporti e non sui servizi di intrattenimento

La mancata iscrizione alla banca dati VIES non è rilevante in assenza di frode

/ Stefano COMISI

Martedì, 26 marzo 2019

In base alla normativa IVA comunitaria, è corretto qualificare l’attività crocieristica come un servizio di trasporto e non come un generico servizio di intrattenimento. Così ha deciso la sentenza n. 44 dell’11 gennaio 2019, pronunciata dalla C.T. Prov. di Milano.

La vicenda sottoposta all’esame dei giudici milanesi riguarda una società facente parte di un gruppo internazionale, riconducibile ad una capogruppo francese. L’attività del gruppo consisteva nel trasporto passeggeri via mare, in particolare, nell’organizzazione ed effettuazione di crociere.

La società di diritto italiano svolgeva prestazioni di trasporto urbano, nell’area di Venezia, ed extra-urbano. Tutte le fatture per tali servizi erano emesse nei confronti della capogruppo francese.
Ai fini IVA, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU