X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Risarcimento del danno al lavoratore adibito a mansioni non idonee

Per evitarlo, il datore di lavoro deve provare di aver adempiuto a tutti gli obblighi in materia di tutela della salute e sicurezza

/ Noemi SECCI

Lunedì, 25 marzo 2019

Il datore di lavoro, in base all’art. 2087 c.c. e al Testo unico sulla sicurezza (art. 18 del DLgs. 81/2008) è tenuto, nello svolgimento dell’attività, ad adottare tutte le misure necessarie alla tutela dell’integrità fisica, della personalità e del benessere psicologico dei lavoratori.
Per tutelare adeguatamente la salute e la sicurezza dei lavoratori, al datore non basta disporre misure di protezione, ma risultano fondamentali le misure di prevenzione, che devono essere commisurate alla realtà aziendale e alle mansioni svolte in concreto e devono essere costantemente aggiornate e adeguate alle condizioni fisiche di chi presta la propria attività lavorativa, anche in base alle prescrizioni mediche.

Nel caso in cui avvenga un infortunio o si verifichi una malattia professionale, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU